Amnesia globale transitoria - rischio di ricorrenza? Esami da fare?

Descrizione del problema: ho 59 anni, il 23 luglio scorso ho avuto un evento di amnesia globale transitoria, apparentemente collegabile con un periodo di forti tensioni connesse alla malattia del mio vecchio padre che circa venti giorni prima era morto.
Al mattino poco dopo essermi alzato, mentre stavo preparando la colazione, mi sono come bloccato e ho perso cognizione di ciò che stavo facendo. Mia moglie dice che fermo in uno stesso punto in piedi, continuavo a fare la stessa domanda ("Che tipo di the vuoi?"), incurante del fatto che mi venisse data regolarmente risposta. Da lì ho avuto come uno spegnimento della memoria, mia moglie si è spaventata perché mi chiedeva di preparami, perché avrei dovuto andare alla cerimonia di tumulazioni delle ceneri di mio padre. Ma non ricordavo nulla, né della tumulazione, né che il babbo era morto, anzi ero fortemente sorpreso che fosse morto. Mi ricordo ancora che ero cosciente del luogo in cui mi trovavo (la mia casa) però persisteva questo stato di amnesia di tutto il passato. Allora mia moglie mi ha portato all'ospedale. Lì nel giro di meno di un'ora ho riacquistato la memoria, anche se è rimasto un buco relativo a quella ora circa di amnesia. Le analisi svolte in ospedale (TAC encefalo) non hanno rilevato nulla di particolarmente preoccupante ("Non lesioni dell'encefalo in sede sovra e sottotentoriale. Sistema ventricolare normoteso. Strutture della linea mediana in asse"), né a livello neurologico, né dall'elettrocardiogramma, normale anche il Doppler TSA. In realtà però le analisi del sangue di qualche tempo prima avevano evidenziato un aumento del colesterolo (253mg/dl). La RMN cervello e tronco-encefalo effettuata circa venti giorni dopo l'evento di TGA evidenziava solamente: "Presenza di alcune areole di alterato segnale della sostanza bianca periventricolare e dei centri semiovali, di tipo aspecifico, verosimile espressione di danno iniziale su base vascolare".  Oggi mi curo con la dieta ma sono preoccupato. Chiedo se ci sia probabilità del ripetersi di crisi di TGA, e se mi consigliate qualche analisi specifica per chiarire se il mio quadro clinico possa nascondere qualche altra causa non emersa. 


Risposta


Altre analisi non servono, ha già eseguito un set completo della diagnostica neurologica effettuata di routine nei casi in cui si sospetta un'ischemia. Le TGA non hanno significato ischemico, vanno controllati comunque tutti i fattori di rischio vascolare, anche il colesterolo va normalizzato. Le TGA si possono ripetere in una bassa percentuale dei casi, ma anche eventuali episodi ripetuti sono innocui in quanto solo disturbo funzionale transitorio.





Domande e risposte