Tremore essenziale leggero - necessaria la terapia?

Pochi anni fa ho incominciato a notare un tremolio saltuario nella scrittura, Ora questo tremolio si fa più frequente e si è associato un raro ma sensibile tremolio alla mano sinistra quando reggo un libro per leggere a letto. Nel dubbio di avere il Parkinson mi sono sottoposta ad una visita neurologica e mi hanno diagnosticato il tremore essenziale. 
Ho trascurato di fare al medico un paio di domande e le rivolgo ora a Voi. Poiché il tremore aumenta, lentamente, ma aumenta, che probabilità ci sono che io arrivi a livelli invalidanti? Il medico è stato molto "morbido" nel presentarmi questa malattia ma mi ha suggerito di ripresentarmi fra un anno per una visita di controllo.  A quale scopo, se mi ha anche detto che trattasi di una malattia difficilmente curabile visto che la farmacopea non ha ancora trovato farmaci veramente efficaci e privi di pesanti controindicazioni o effetti collaterali? Grazie per quanto mi direte. Io ho 68 anni e al momento attuale, se evito di scrivere, nessuno ancora si accorge dei miei problemi.

Risposta:

Probabilmente non diventerà mai invalidante nel suo caso leggero. È relativamente frequente il tremore essenziale tra tutte le malattie neurologiche (non è neanche una vera 'malattia', piuttosto un disturbo). Ci sono farmaci, ma non lo curano, bloccano solo i sintomi. Se il tremore non le dà molto fastidio, è saggio non prenderli per ora in quanto possono anche avere effetti collaterali.