a cura del Dr. Reinhard Prior - Specialista e Docente di Neurologia (Germania)

reinhard_prior_neurologo_roma_bari

Studio di Neurologia Roma
Studio di Neurologia Bari

Recensioni e opinioni dei pazienti
Curriculum e pubblicazioni

Dormire bene e svegliarsi bene

Quiviviq
Difficoltà con il sonno sono frequentissime anche in chi altrimenti non ha problemi, e non pochi pazienti arrivano da me proprio per questo, per migliorare il loro sonno e riposo notturno. Un disturbo del sonno spesso è anche un indicatore sensibilissimo e precoce di una sindrome depressiva in via di sviluppo o di ritorno, può essere l’unico sintomo di una depressione latente. Nelle depressioni manifeste e accentuate il sonno è sempre disturbato, la qualità del sonno è uno di 10 punti ad es. della molto utilizzata scala di Montgomery-Asberg per quantificare la gravità delle depressioni. Disturbi del sonno possono essere di varia Continua...

Intelligenza AI in Neurologia



La Neurologia è una specialità vasta con un'infinità di patologie rare descritte anche sui testi di Neurologia più o meno aggiornati o da consultare nel caso su Internet. Anche se nella routine i pazienti si presentano soprattutto per cefalea, vertigini, disturbi del movimento (tremore essenziale, Parkinson), disturbi cognitivi (Alzheimer, encefalopatia vascolare), disturbi del sonno o sindromi depressive, ci sono sempre consulenze anche di 2a opinione per questioni rare o situazioni ancora non definite. Impossibile conoscere con buon dettaglio tutte le patologie rare. Allora anche noi neurologi chiediamo a Google. Ma spesso ci sono almeno 10 pagine da vedere prima di trovare un'informazione qualificata e attendibile tra spam e pubblicità varia. Oggi invece per noi neurologi ci sono le intelligenze artificiali (AI) ad es. di OpenAI (ChatGpt), Google (Gemini) o Microsoft (Copilot). Continua...

Meglio delle siringhe: l’aceto di mele funziona!




Il sovrappeso e l’obesità sono fattori di rischio molto importanti anche in neurologia: rischio cardiovascolare, che aumenta la probabilità di ischemia cerebrale, e rischio di sviluppare una encefalopatia vascolare cronica con l’arteriosclerosi dei piccoli vasi cerebrali, che alla fine porta ad un decadimento cognitivo anche precoce e ad un’insicurezza nella deambulazione. Continua...

Malattia di Parkinson: andiamo a ballare!

braintango
La malattia di Parkinson è un disturbo neurodegenerativo progressivo caratterizzato dalla perdita di neuroni dopaminergici nella cosiddetta substantia nigra del cervello. Questa perdita conduce a un deficit di dopamina, un neurotrasmettitore essenziale per la regolazione dei movimenti. Clinicamente, la malattia si manifesta attraverso tre sintomi motori principali: lentezza dei movimenti, tremore a riposo e rigidità muscolare. Altri sintomi che ne conseguono sono instabilità posturale, alterazioni del camminare e della parola, inoltre una varietà di sintomi non motori come disturbi del sonno, depressione, ansia e in alcuni casi declino cognitivo.Continua...

Alzheimer: a che punto siamo

Nell'autunno del 2020 c'era molta attesa per la decisione finale della statunitense agenzia del farmaco FDA su un' eventuale approvazione di un anticorpo monoclonale anti-amiloide sviluppato dalla Biogen (aducanumab). Biogen aveva inizialmente fermato i suoi trial EMERGE e ENGAGE per scarso beneficio ma poi a sopresa aveva dichiarato che i suoi dati, se analizzati bene, sarebbero stati invece sufficienti per chiedere l'approvazione del farmaco e portarlo sul mercato. Continua...